14.9.11

Un po' cavaliere e un po' oscuro

Mettiamola così, se la DC Comics mi dovesse chiedere di disegnare un Batman mentre, al lavoro, attendo l'approvazione per una campagna stampa (tempo 10 minuti, isomma), il risultato finale sarebbe una cosa simile a quello qui sotto, ma senza i colori (che per quelli ce ne sono voluti anche 20, di minuti).


Immagino la telefonata personale di Dan Di Dio (che già uno che si chiama così, vuoi davvero dargli credito?) che mi chiede questa cosa in occasione del rilancio di tutte le testate DC. Che poi diciamoci la verità, la questione del rilancio, del Superman prima vestito con un jeans e 'na maglietta e poi in armatura, del Batman ventenne, delle storie di ventidue pagine che leggi in tre minuti e del fatto che ti devi dimenticare di una continuity lunga cinquant'anni e passa, a me sta proprio sulle palle. E meno male che non leggo fumetti di supereroi da almeno sei mesi.

8 commenti:

pietro rotelli ha detto...

in effetti anche io ho smesso di leggere batman. Superman invece, non l'ho mai sopportanto...

Patrizia Mandanici ha detto...

Bello fresco! Hai usato la Bic, vero? :)
Io sui vari reboot dei personaggi supereoristici non so più cosa pensare, nel senso che cerco di mettermi nei panni di chi deve gestire questi "carrozzoni" pieni di storia (e di cicli dei più vari): cosa fare per non ripetersi all'infinito?
Non ho mai seguito molto i personaggi DC, però ogni tanto prendo dei volumi unici, o dei brevi cicli che mi attirano per qualche cosa - uno spunto diverso dal solito, qualche disegnatore che amo.

CyberLuke ha detto...

Ci crederesti?
Io avrò comprato forse cinque numeri in tutto di Batman.
Poi, parecchie graphic novel e storie autoconclusive, tributi, omaggi, Leggende e altro, quasi tutte scollegate dalla continuity.
Se per comprendere una storia devo aver letto anche gli ultimi centocinquanta numeri, allora lascio.
Non per altro: non ho davvero il tempo di recuperare.

Il tuo Batman non mi dispiace: riflettevo giusto ieri che è una delle poche figure "ieratiche", assieme Darth Vader e pochi altri, ben radicate nell'immaginario collettivo, e comunque la tratti o la rigiri, viene sempre fuori qualcosa d'intrigante.

E comunque, ormai leggo solo l'iIron man disegnato da Larroca, QUESTO QUI iperrealista, se non lo conoscevi. ;)

LUIGI BICCO ha detto...

@ Pietro:
Batman ho smesso di leggerlo quando lo ha preso in mano la Planeta, a parte pochi, sporadici casi. E Superman non mi è mai stato davvero antipatico. Ma dipende da chi lo scrive, eh :)

@ Patrizia:
Oh, yes, Patrizia. Ormai lo sappiamo... viva la Bic! I reboot vanno anche bene, ma non uno all'anno. Comunque di cose DC interessanti ne ho lette, ma si tratta davvero di poca roba. Ma qui entriamo nella solita diatriba Marvel o DC.

@ Luca:
Dipende da come sono strutturate le miniserie. Non è che la Marvel o la DC rispettassero tutta questa continuity serrata, negli ultimi anni. E' solo che i rilanci servono a far soldi e basta. Ma prevedo un pronto ritorno sui propri passi da parte della DC. Non so perchè.
Sei mesi fa, insieme ad altre cose, ho smesso di leggere anche il mensile di Iron Man di Larroca. Scritto bene. Era gradevole. E Larroca ci stava abbastanza a pennello, anche se è un po' troppo fotografico, per i miei gusti. Ma credo sia uscito già un volume con la ristampa della prima miniserie.

Marco Bertoli ha detto...

Sei un Mazzucchelli un po' bevuto!

LUIGI BICCO ha detto...

Un Mazzucchelli un po' bevuto? Ma anche con un incidente alle spalle, la mano scomposta, le gambe corte e gli occhi storti :)

essedesign ha detto...

In ogni caso sto batman è fantastico.

stè

LUIGI BICCO ha detto...

Grazie, Stefano :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...