15.5.14

Di Guardie Regie a cavallo e corse al massacro in edicola (che non è che te ne stai a lamentare, eh)


Io adesso non voglio fare la parte di quello che la sapeva lunga, ma in effetti tempo fa, già ai tempi della GP Publishing, avevo un po' immaginato che la nuova, accogliente predisposizione delle edicole italiche nei confronti del fumetto franco belga, al di là dell'effettiva buona riuscita commerciale, si sarebbe potuta trasformare facile in una corsa al massacro. Fortunatamente è una corsa che al lettore interessa solo marginalmente avendo dalla sua parte (vivaddio!) la possibilità di scegliere se e cosa comprare.

Adesso nel giochetto sembra volerci entrare anche la RW Edizioni che attraverso la già collaudata etichetta Lineachiara finisce in edicola con un titolo vecchiotto (1992) ma in parte inedito per il mercato italiano. Si tratta di una serie avventurosa ambientata nelle terre del grande nord. Trent è un uomo silenzioso che presta servizio nella Regia Guardia canadese e che vive storie borderline in scenari affascinanti ma al limite della desolazione. Sempre a fare i conti con la propria solitudine, il protagonista ci svelerà mano mano la propria storia attraverso una serie di flashback incentrati sugli anni precedenti al suo arrivo in Canada.


Questo è il primo di quattro numeri che raccoglieranno l'intera serie composta da otto albi in totale. Ai testi ci trovi Rodolphe (autore noto soprattutto per titoli come Comanche, Dock 21 e Kenya) e ai disegni, proprio all'inizio della sua bella carriera professionale, il cartoonist brasiliano Luiz Fernando de Oliveira, meglio noto come Leo (si, dai, è quello dei cicli di Aldebaran, Betelgeuse e Antares). Qui Leo è un po' meno dinamico e meno "ligne claire", ma già ottimo disegnatore.

Ti consiglio candidamente la lettura di questo numero uno con le prime due storie della serie. In entrambe ci trovi il sergente Trent alle prese con una caccia all'uomo molto particolare e in entrambe potrai notare, con disincatata piacevolezza, una certa verve kenparkeriana di fondo, almeno per quanto riguarda la volontà di dipingere un protagonista fallibile alle prese con cose più cattive di lui e abituato a porsi sempre mille domande. Promosso.


Trent #1
Lineachiara (RW Lion) 
96 pp b/n - 2,90 euro

6 commenti:

luca lorenzon ha detto...

Trent si era già visto (non completo, credo) su Comic Art e poi in qualche volume della casa editrice relativa. Non ne ho un ricordo esaltante ma nemmeno deludente. Un fumetto come tanti, fatti salvi i bei disegni di Leo, purtroppo poco espressivi.
Il piccolo formato e l'assenza dei colori ti sembrano avere penalizzato l'opera? Io non l'ho ancora visto da nessuna parte.

Comix Factory ha detto...

Ciao Luigi,
nell'articoletto ti sei confuso. Dici che Trent dovrebbe essere una mini di 3 numeri, in quanto la serie originale è di 8 volumi. In realtà, dal momento che vengono pubblicati due albi originali a volumetto italiano, si tratterà proprio di una mini di quattro come annunciato in copertina sotto alla testata.
Stefano

Andrea Mazzotta ha detto...

Non che sia un problema, ma la casa editrice si chiama RW EDIZIONI, non RW LION.
LION è un'etichetta come lo è Lineachiara.
Quindi:
- Edizioni RW - LION
- Edizioni RW - LINEACHIARA
- Edizioni RW - GOEN

Thanks!
Ps: piacere che ti sia piaciuto il volume!

LUIGI BICCO ha detto...

@ Luca:
Verissimo. Pensa che io avevo pure cercato ma di un'edizione precedente non c'era traccia sul web. Cercando con Comic Art sono spuntati fuori come funghi. Erano pure albi monografici. Come dicevo, Leo è un po' legnoso, ma nel complesso le sue sono delle belle tavole. E a tal proposito devo dirti che il bianco e nero e il formato non penalizzano quelle tavole. Rodolphe non è logorroico e questo fa tanto. Si legge molto bene, insomma.

@ Stefano:
Vero vero. Ho preso una svista. In testa avevo proprio un "1di3". Chissà da quale altra pubblicazione :)

@ Andrea:
E hai ragione , Andrea. E' un po' una roba che nasce in buona fede, visto che in fumetteria sento spessissimo la frase "e della Lion è arrivato qualcosa?"
P.S.: Si, mi è piaciuto. E da mestierante del settore, ho apprezzato molto anche la cura grafica applicata alla confezione.

Andrea Mazzotta ha detto...

Grazie! Abbiamo lavorato molto sulla cura grafica e siamo contenti che stia piacendo molto!

LUIGI BICCO ha detto...

Ho notato. Anche per via degli altri albi da edicola come "Y - l'Ultimo Uomo" e "Fables". Sembrerà una cazzata, ma invece è importante. Bravi.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...