17.12.12

Dalla valle di Elah a Charlize Theron a Tommy Lee Jones, passando per Cormack McCarthy

Qualche sera fa, tra il cercare di addormentare Teo che in questi giorni non vuole saperne di dormire ad un'ora decente e il buttare un occhio alla moglie con la schiena a pezzi e decorata con i cerotti arancioni fosforescenti come Balotelli, mi è capitato di fare zapping.


Ho beccato Nella Valle di Elah. Lo avevo già visto a spizzichi e bocconi ma mai dall'inizio alla fine. Si tratta di un film del 2007 firmato alla regia da Paul Haggis (The Next Three Days e Crash - Contatto Fisico, per il quale ha vinto l'oscar) noto soprattutto come lo sceneggiatore di pellicole come Million Dollar Baby, Flags of Our Fathers e 007 - Casino Royale. Nel cast compaiono invece Charlize Theron, Tommy Lee Jones, Susan Sarandon, James Franco, Jason Patrick e Josh Brolin. E scusate se è poco.

Hank Deerfield (Tommy Lee Jones), un ex poliziotto militare e un fiero patriota che ha combattuto nella guerra del Vietnam, riceve una telefonata dalla base militare dove presta servizio il figlio Mike, rientrato dopo avere concluso il suo turno in Iraq. Questi risulta assente da quando si è recato in libera uscita e di lui non si hanno più notizie. Hank inizia un'indagine personale scontrandosi sia con la burocrazia e l'omertà del mondo militare, rappresentata dal sergente Kirklander (Jason Patrick), sia con l'arrendevole ignavia della polizia locale, con l'esclusione della detective Emily Sanders (Charlize Theron), una donna forte ed intelligente, resa determinata dall'ostilità dei colleghi maschi.
Non aggiungo altro perché se non hai visto il film, dovreste vederlo. E le cose che si scoprono via via lungo il percorso, sono a dir poco agghiaccianti.



E' un film straziante sulla perdita dell'identità e della ragione. Straniante e coraggioso. Una sorpresa tra capo e collo dal quale ho imparato due o tre cose almeno. La prima è che mettendo per un attimo da parte l'abbacinante e indiscussa bellezza di Charlize Theron, anche in questo film risulta una delle migliori attrici in circolazione. La dedizione con la quale si dedica ad ogni sua parte è da manuale. Certo che essere belli e bravi non dev'essere facile. Ma a quanto mi risulta lei non è nemmeno tra le più pagate di Hollywood (e proprio me ne sfugge il motivo). Sembra che per questo stesso film abbia accettato un compenso ridimensionato rispetto al solito, pur di interpretare quel ruolo.

La seconda riguarda Tommy Lee Jones. Nutrivo già parecchio rispetto per questo attore americano con la faccia di gomma solcata da profonde e polverose rughe e dalle grandi orecchie, ma in questo film ha dato riprova del suo incredibile estro recitativo, impersonando un Hank Deerfield cupo e silenzioso (per tutto il film parla con un tono di voce molto basso). La parte inizialmente era stata prevista per Clint Eastwood che non ha accettato per via di altri impegni. Onestamente non credo che Tommy Lee lo abbia fatto rimpiangere.


La terza cosa è una scoperta casuale. Alla fine del film sono andato a curiosare su wikipedia come faccio spesso. Saltando dalla pagina del film a quella di Tommy Lee Jones, ho scoperto che quest'ultimo, da regista, ha girato nel 2011 un film da 90 minuti intitolato Sunset Limited, adattamento di una piece teatrale di Cormack McCarhy.
Tommy Lee Jones ha preso questa piece teatrale e ci ha fatto un film televisivo per la HBO con due attori in scena. Uno è lui, l'altro è Samuel Jackson.


Il film espone, in tempo reale, un fitto dibattito tra due soli
personaggi entrambi anziani: un uomo di colore, ex detenuto
per omicidio ed ora operaio, e un uomo bianco, professore
ed aspirante suicida.
Due attori, una location. Punto. Un film del genere davvero te lo puoi perdere? Sto cercando di capire come recuperarlo, visto che non è un film televisivo. Eccovi il trailer.



Certo che a volte se ne scoprono di cose, eh.
Anche solo rimanendo seduti sul divano.

11 commenti:

sartoris ha detto...

non lo troverai facilmente, io c'ho provato tempo fa e ancora niente...

(se non l'hai già fatto, ti consiglio di vedere l'esordio western dietro la macchina da presa di Lee Jones. ne ho scritto qui:

http://omardimonopoli.blogspot.it/2010/11/tre-volte-morto.html

entusiasmo!)

LUIGI BICCO ha detto...

@ Omar:
Per Sunset Limited ti farò sapere se si apre una porticina. Non ho visto "Le Tre Sepolture". Bravo Omàr. Mi piacciono un grugno, 'sti consigli.
A mia volta ti segnalo uno dei miei western preferiti con Tommy Lee protagonista (anche qui, sempre che tu non l'abbia già visto): "The Missing" di Ron Howard. Quando Howard era Howard, prima delle sue codicidavinciate varie.

Anche lì, silenzioso e roccioso che va a vivere con gli indiani e abbandona la sua famiglia, c'è un grandioso Tommy Lee Jones.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=a98W-vW0sh4

LUIGI BICCO ha detto...

@ Anonimo:
Beh. E' già qualcosa :)

sartoris ha detto...

The missing è ganzissimo, anche di questo ne ho parlato sul blog (da qualche parte, mo non c'ho voglia di andare a recuperare il link) comunque si sarà capito che adoro Tommy Lee Jones (non a caso ha interpretato oltre ai personaggi succitati anche il Dave Robichaux di IN THE ELECTRIC MIST, tratto da James Lee Burke, che con McCarthy è il continuatore di una certa epica Faulkneriana a me assai cara) (il cerchio si chiude, insomma;-)

CyberLuke ha detto...

Uhmmm interessante, quasi quasi me lo cerco.
Tanto questo Natale mi sa che ho poco o nulla di meglio da fare che starmene davanti il plasma a farmi maratone di tutto quanto accumulato in questi mesi.

LUIGI BICCO ha detto...

@ OMar:
Vedi? Io In The Electric Mist invece non l'ho visto. Se poi è tratto da Lee Burke, è da recuperare e basta. Poi me lo vado a cercare io, il tuo post su The Missing, che sono curioso.

@ LUca:
Ellallà! Niente di meglio? Non che siano brutte quelle maratone da spianarsi sul divano fino al mattino, eh. Se l'inglese lo capisci come si deve, il film è a disposizione su youtube presso l'indirizzo gentilmente fornitoci da "anonimo" nel commento sopra.

La firma cangiante ha detto...

Sono fantastiche quelle maratone, altroché.

Comunque Nella valle di Elah era piaciuto molto anche a me, davvero poco consolatorio.

LUIGI BICCO ha detto...

@ Dario:
Si, non è sicuramente un film da periodo natalizio, questo è sicuro :)

Simone Avella ha detto...

Se proprio non riesci a trovarlo altrove, eccoti il torrent!
http://forum.tntvillage.scambioetico.org/index.php?showtopic=285233

LUIGI BICCO ha detto...

@ Simone:
Forse sono riuscito in altro modo. Comunque grazie :D

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...