24.9.12

Speciale 50 anni di Spider-Man


Avete presente l'Uomo Ragno, si? "Spider-Man" (col trattino in mezzo) anche qui in Italia da quando Sam Raimi ha cominciato a giocare con le ragnatele. Avete presente che quest'anno cade il cinquantesimo anniversario di questo personaggio creato da Stan Lee e Steve Ditko nel 1962? C'è chi dice che l'ha inventato Lee e punto. Altri che ti giuro che Ditko ci ha messo davvero tanto di suo, il che sembra molto vero a prescindere. Ma l'importante è che Spider-trattino in mezzo-Man, oggi abbia cinquant'anni suonati e basta.

E avete presente quelle domande da nerd tipo "ma tra tutte qual è la tua storia di Spid dell'Uomo Ragno preferita?", quelle domande che il petto si gonfia e non respiri per qualche secondo facendo la faccia di quello che la sa lunga e sibilando un "ehhh" come a dire "caro mio, ma che ti devo dire, mica è facile così su due piedi".

Andrea Queirolo mi ha chiesto di scrivere un pezzo per Conversazioni sul Fumetto proprio in occasione del loro bellissimo Speciale 50 anni di Spider-Man. Io non ho gonfiato il petto, non ho trattenuto il fiato e non ho nemmeno fatto quello con la faccia che la sa lunga.
Già sapevo di cosa scrivere. Ovvero di Cani impazziti, una storia in tre parti comparsa su un vecchio numero (l'86) delle edizioni Star Comics.

Quelli tra voi che non leggono troppi fumetti, non sapranno nemmeno di cosa stiamo parlando. Quelli tra voi che la sanno lunga sui fumetti, non si ricorderanno certamente di questa storia. Quelli tra voi che la sanno lunghissima che proprio non li puoi battere ai trivia sui supereroi, non l'avranno letta comunque, ma forse se ne ricorderanno.

A chi interessa, ho detto la mia qui.

11 commenti:

Patrizia Mandanici ha detto...

Ahi, non l'ho letta, e adesso mi hai fatto venire voglia di recuperarla...come?

ari ha detto...

E bravo, zitto zitto, senza dire niente, eh? ;)
Me lo leggo con calma, saltando tanti punti "tecnici" che come sai sono fuori dal giro. Ma mi complimento per la scelta di una storia disegnata da una donna! Tiè!
Ps. vedi che sul tuo nome (non quello a calce dell'articolo, ma nelle prime due righe di introduzione all'articolo) c'è un link sbagliato, che rimanda all'articolo stesso invece che al tuo blog (credo volessero puntarlo lì)

LUIGI BICCO ha detto...

@ Patrizia:
Mi sa che l'unico modo è davvero QUESTO.
Altrimenti un altro modo lo troviamo :)

@ Ari:
Ho scritto l'articolo un po' di tempo fa, a dire il vero :)
Comunque i link sono giusti. Il primo porta al mio blog, il secondo a tutti gli altri articoli che ho scritto su Conversazioni sul Fumetto.

Simone Avella ha detto...

Certo che me lo ricordo con quella cover del grandissimo Bill Sienkiewicz… acquistato da mio fratello nell'edicola sotto casa

Alberto Camerra ha detto...

E bravo Luigi.
Hai pescato una storia che in pochi, penso, rammenteranno. Tra quei pochi ci sono anche io. Un albo che ancora conservo nella mia polverosa (ma ben protetto) soffitta.
Sai però, a distanza di tanti anni, cosa mi ha ricordato? un'altra storia (al momento mi sfuggono sceneggiatore e disegnatore) di Batman, le leggende, dove il cavaliere oscuro appare, in ultima vignetta, rinchiuso in una cella di manicomio.
Cresce il rammarico verso gli scrittori attuali; possibile che non siano in grado di sfornare piccoli gioielli come questi?
mah...

LUIGI BICCO ha detto...

@ Simone:
Allora la sai lunghissima :)
Ringrazia tuo fratello per aver acquistato proprio QUEL numero.

ò Alberto:
Mi vengono in mente un paio di storie con Batman internato ma non ricordo i titoli. Diciamo che in quanto a manicomi, con la presenza dell'Arkham Asylum a Gotham, il cavaliere oscuro la spunta di parecchio sugli altri :)

Alberto Cerutti ha detto...

Questa, secondo me, se l'era scordata pure Spider-trattino in mezzo-Man :)

LUIGI BICCO ha detto...

@ Alberto:
Lo Spiderman di oggi, se n'è dimenticato di sicuro. Ma gliela ricordo io, gliela :)

Gabriele Russo ha detto...

Ciao Luigi!
Non sono fan di Spider-Man ma se devo ricordare una storia in particolare mi viene in mente un albo "Quel che luccica" pubblicato dalla Star negli anni '90. Non ricordo gli autori e non so perchè proprio quella storia ma bhò, mi è rimasta in mente. In compenso adoro Il Romita Sr. ai disegni negli anni'70 con grande ammirazione.

Gabriele Russo ha detto...

Dovevo scrivere "ricordo" ma "adoro" va bene lo stesso! :D

LUIGI BICCO ha detto...

@ Gabriele:
Mi sfugge la storia che citi. Poi magari se me la ritrovo davanti me la ricordo perfettamente. E sono d'accordo con su Romita. Senior e anche Junior a dire il vero.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...