16.5.12

Leggendo Superman


Andrea Queirolo ha avuto nuovamente l'ardire di ospitarmi tra le pagine di Conversazioni sul Fumetto. Questa volta si tratta di una riflessione sull'Uomo d'Acciao per eccellenza. L'icona rosso, blu e oro. Il Superuomo. Nembo Kid. Superman, insomma. E il suo rapporto con la fede e con il divino. E le difficoltà di autori e lettori ad interpretarne la natura.

Trovate il post qui.

7 commenti:

La firma cangiante ha detto...

Ora devo scappare a lavoro, appena posso passo a leggere :)

ste ha detto...

complimenti per l'articolo è molto interessante poi a me piace Superman e quello che rappresenta! articolo super!

LUIGI BICCO ha detto...

@ Firma:
Fammi sapere ;)

@ Ste:
Sei gentile, Ste, grazie. Anche a me piace parecchio questa icona. Avrebbe da raccontare anche più di quanto non si sia già fatto. Ma questa è un'altra storia.

Pino Rinaldi ha detto...

Ho letto l'articolo, ottimo e i commenti...Cristo è la traduzione, (mi sembra greca) di Messia(aramaico)...Superman non incarna il messia ebraico, lui non è un conquistatore, il vecchio Clark, si difende e difende l'umanità, non conquista, invade ed attacca a suo e a nostro nome.
Il personaggio dei films e dei fumetti, non ha mai goduto delle mie simpatie, mentre amo molto tutte le sue trasposizioni televisive.

LUIGI BICCO ha detto...

@ Pino:
E poi vuoi mettere? Il Marlon Brando del film del '78 era un ottimo San Giuseppe :D
Ma a parte gli scherzi, la vedo anch'io così. Se non ti son piaciuti i film, presumo che per trasposizioni televisive tu intenda quei meravigliosi cartoni fine anni '90.

Pino Rinaldi ha detto...

Li hai visti quei splendidi cartoni anni quaranta dei fratelli Fleicher(non ricordo se si scriva così-I papà di Popey).
Ho amato molto LOIS e CLARK, Superboy ed altri telefilm su Suppy,...lo rendevano più umano e non tutto di un pezzo.
Marlon , per me è la nota stonata, insieme a Luhor del film...odio i parrucchini e i geni che invece d'essere pazzi(Luthor comunque non lo è da più di 45 anni)sono scemi.

LUIGI BICCO ha detto...

@ Pino:
Altroché se li ho visti. Anzi, recentemente ho scoperto che sono stati ufficialmente raccolti in un sito e tutti visionabili. Li trovi cliccando qui.
A me non erano dispiaciuti anche quelli che ti ho menzionato prima, quelli della fine degli anni '90 per opera di Paul Dini e Bruce Timm.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...